Riconoscimento invalidità

Pubblicato il 29 ottobre, 2013, in: Rubrica da

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER IL RICONOSCIMENTO DELL’INVALIDITA’: si deve ritirare il modello A presso l’ufficio invalidi dell’ASL di appartenenza. Questo modulo va poi compilato e firmato dall’interessato, nel caso il soggetto non sia in grado di firmare, bisogna scrivere il motivo dell’impedimento nell’apposito spazio e quindi si fa firmare da due testimoni. Al modello si devono allegare:

  • certificato medico
  • documentazione integrativa (proveniente da strutture sia pubbliche che private)
  • altri documenti (certificato di residenza, cittadinanza, certificato di nascita)

quindi riconseganre tutta la documentazione all’ufficio ASL di appartenenza, cui seguirà una visita fiscale medico-legale per l’accertamento dell’invalidità. È importante sapere che in sede di accertamento sanitario, la persona interessata può farsi assistere dal proprio edico di fiducia.

VISITA PER L’ACCERTAMENTO DELL’INVALIDITA’: questa visita può essere svolta o presso il domicilio dell’utenete (se si dimostra la completa l’impossibilità a muoversi) o presso la sede dell’ASL. Dopo la visita, entro 90 giorni, arriva a casa il verbale di invalidità, all’interno del quale sono indicate le percenutali di invalidità riconosciute. Se si vuole protestare contro tale giudizio si può presentare ricorso presso il Ministero del Tesoro entro 60 giorni dal ricevimento dell’esito dela visita.

DIRITTI ACQUISITI CON RICONOSCIMENTO DELL’INVALIDITA’ CIVILE:

  • esenzione dal ticket: presentando l’istanza di invlidità all’ufficio invalidi dell’ASL di appartenenza si può ottenere il tesserino di esenzione dal pagamento del ticket sui medicinali di fascia A e B e sulla diagnostica di laboratorio.
  • fornitura di ausili tecnici e di materiale sanitario: anche se in attesa di accertamento, si può avviare la modulistica per la richiesta degli ausli tecnici necessari.
  • provvidenze economiche: il riconoscimento dell’invalidità civile da diritto a provvidenze economiche (assegno di invalidità o pensione). L’assegno di invalidità èerogato a chi viene riconosciuta un’invalidità inferiore al 100%, mentre la pesnione viene erogata agli invalidi totali.
  • contrassegno posteggio per disabili: presentando la documentazione necessaria, insieme al verbale del riconoscimento dell’invalidità si può avere tale agevolazione.

RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP GRAVE: in base alla L 104/92 art.3 insieme alla domanda per il riconoscimento dell’invalidità civile si può fare richiesta per la visita di accertamento dello stato di handicap grave. Per eseguire questa visita si deve presentare richiesta presentando un modulo compilato che si trova presso l’ASL di appartenenza, questa richiesta può essere fatta insieme a quella di invalidità civile, in quanto sarà la stessa commissione medica a esaminare il paziente.

DIRITTI ACQUISITI CON IL RICONOSCIMENTO DELL’HANDICAP GRAVE:

  • assegno di accompagnamento
  • progetti di sostegno e di aiuto alla persona (L 104/92 e L 328/00) assistenza domiciliare, comunità alloggio
  • permessi lavorativi per i congiunti: art.33 della L 104/92 da la possibilità ai parenti delle persone riconosciute in stato di handicap grave di chiedere 3 giorni di permesso al mese, ripartibili in 2 ore giornaliere. Per ottenere questo diritto bisogna dimostrare che il richiedente presta continua assistenza al disabile.
Condividi!
быстрые займы на карту через интернет