Cos’è una Protesi

Pubblicato il 30 novembre, 2012, in: Rubrica, Strumenti da

Una protesi è un dispositivo artificiale atto a sostituire una parte del corpo mancante (un arto, un organo o un tessuto), o a integrare una danneggiata.

Nel nostro settore la protesi viene utilizzata fondamentalmente per sostituire anatomicamente e funzionalmente un segmento dell’apparato locomotore.

Le protesi possono essere interne o esterne.

Le protesi interne sono quelle applicate all’interno dell’organismo mediante un intervento chirurgico.
Le protesi esterne o protesi ortopediche sono un mezzo artificiale che sostituisce nella morfologia, e per quanto possibile, nella funzione un arto mancante o una parte di esso. Le protesi si applicano a soggetti sottoposti ad amputazione di arto superiore o inferiore per gravi traumi dei tessuti molli e/o scheletrici, malattie vascolari, infezioni, tumori maligni scheletrici o delle parti molle e malformazioni congenite…

Oggi grazie alle moderne tecnologie si è arrivati alla realizzazione di modelli sempre più sofisticati.
Un po’ di storia: fino agli anni ’70 del secolo scorso le protesi ortopediche erano realizzate in legno con snodi articolari in metallo. Dagli anni ’80 la qualità delle protesi è notevolmente migliorata grazie all’introduzione di nuovi materiali, tecnologie e lavorazioni determinando un ottimo risultato in quanto più leggere, sofisticate e rivestite da materiali che ne migliorano l’estetica.

Elementi che costituiscono una protesi ortopedica:

  • l’invasatura che è la parte a diretto contatto con il moncone d’amputazione, riproducendone il più possibile la forma
  • l’apparato di ancoraggio che connette la protesi al resto dell’arto o del tronco
  • il piede o la mano protesica che rappresentano la porzione terminale della protesi, costruiti per riprodurre nel modo migliore le caratteristiche funzionali ed estetiche dell’estremità assente.

Negli ultimi anni in particolare per la mano sono entrate in uso protesi azionate da segnali elettrici amplificati, derivati dall’attività delle unità motorie dei muscoli del moncone. Il comando moncone-protesi è quindi diretto, ed esiste la possibilità di modulare e graduare volontariamente l’attività prensile della mano protesica.

Le protesi di arto superiore si dividono in:

  • protesi cosmetiche
  • protesi cinematiche (con comando a trazione) protesi mioelettriche (con comando mioelettrico)
  • protesi ibride

Prodotti correlati:

 

Condividi!
быстрые займы на карту через интернет