Fratture del ginocchio

Pubblicato il 3 febbraio, 2012, in: Arti Inferiori, Rubrica da

FRATTURE SOVRACONDILOIDEE DI FEMORE: Non sono fratture molto frequenti, interessano la metafisi distale del femore. Quando sono complete hanno uno spostamento tipico: il frammento distale si flette posteriormente che può determinareuna una compressione sul fascio muscolo-nervoso al poplite con una compressione del circolo periferico o interssamento dello sciatico popliteo interno. È quindi molto importante controllare costantemente l’efficienza dei muscoli flessori del piede. Sono fratture che in genere consolidano velocemente in 40-50 giorni.

FRATTURE DEI CONDILI FEMORALI: Queste fratture possono interessare un solo condilo (monocondile) o tutti e due (bicondile). Avvengono per sollecitazioni in valgismo, in varismo o caduta dall’alto.

FRATTURE DELLA ROTULA: Sono fratture molto frequenti, spiecilamente negli adulti, spesso avvengono per trauma diretto (es. caduta sul ginocchio), mentre quelle per trauma indiretto (brusca contrazione del quadricipite) sono più rare.
Sono fratture articolari che si distinguono in:

  • Fratture comminute in cui l’osso è pluriframmentato con conseguente scomposizione
  • Fratture sagittali in cui la frattura è verticale
  • Fratture trasversali in cui vi è la separazione di due frammenti uno superiore (attirato dal quadricipite) e l’altro inferiore (fissato dal tendine rotuleo) con possibile interessamento dei legamenti alari

La sintomatologia nelle fratture trasversali complete che sono le più frequenti è tumefazione del ginocchio, solco trasversale rilvabile alla palpazione dela rotula, impotenza funzionale nell’estensione del ginocchio metre rimane la flessione (anche se limitata). Possono associarsi con queste fratture rotture del tendine del quadricipite (rare) e rotture del legamento rotuleo.

FRATTURE DEL PIATTO TIBIALE: Si hanno in ordine di frequenza frattura del condilo esterno, frattura del condilo interno e fratture di tutti e due i condili. Queste fratture avvengono in genere per trauma indiretto per compressione del condilo femorale sul piatto tibiale corrispondente (caduta dalla motocicletta).

Per quanto riguarda la sintomatologia, nelle lesioni più lievi si ha dolore che aumenta al carico ed alla pressione sul condilo interessato, mnetre nelle lesioni più lievi si ha tumefazione del ginocchio, dolore vivo alla pressione, ecchimosi estesa alla gamba ed al poplite, impotenza funzionale e alle volte deformità per deviazione del ginocchio in varismo o valgismo.

FRATTURE DELLE SPINE TIBIALI: Sono fratture molto rare ma non eccezionali, si distinguono in fratture isolate della spina tibiale mediale o esterna. Avvengono per trauma indiretto (strappamento da parte dei legamenti crociati che vi si inseriscono) e la sintomatologia è data da dolore, tumefazione e impotenza funzionale.

Prodotti correlati:

 

Condividi!